Calendario scolastico

Anno Scolastico 2018-2019                VIA COSI’- cresce lungo il cammino il suo vigore

Capita, nella vita, di sentirsi un po’ stanchi, demotivati; oppure di provare una sensazione di assuefazione, di noia di fronte ad una realtà che pare povera di stimoli, troppo ripetitiva o incapace di intrigarci. Paradossalmente, anche questo può rivelarsi un momento prezioso, abitato dalla Grazia. Lo dico non perché voglia per forza scovare un segno di positività o essere ottimista ad oltranza, ma perché credo sia realmente così, per noi che ci diciamo amici di Gesù e desideriamo esserlo davvero. Lui per primo ha saputo donare entusiasmo a chi navigava nel grigiume, ha offerto grandi ideali a coloro che non si aspettavano nulla dal domani, ha regalato vita a che temeva di cadere nel buio di una fine senza senso.

Con queste parole ci viene offerta una prospettiva diversa per vivere il nuovo anno scolastico che insieme iniziamo, ragazzi, insegnanti, genitori, personale tutto. E’ l’atteggiamento della fiducia quello che Gesù ci richiama, è l’importanza della fede da riconoscere, custodire, alimentare, condividere.

“Dalle radici si riconosce un albero, dalla pianta i frutti”: così recita un antico proverbio orientale che, tra l’altro, ben si confà al nostro Collegio, tenacemente fondato sul motto evangelico simile grano sinapis. Noi, che piante non siamo, abbiamo però delle radici profonde, che giungono direttamente a Dio e da lui traggono linfa ed alimento per i nostri giorni terreni. E’ la fede che ci offre una prospettiva di eternità, che dona la grazia di riconoscere la bellezza che abita questo nostro mondo. Tramite la fede noi possiamo vivere di speranza ed offrire consolazione, riconoscerci fratelli e rendere visibile l’amore. Allora si comprende come radici così profonde e preziose vadano rispettare, che un dono così inatteso vada custodito ed amato, come ciò che fa grande l’esistenza. Di qui l’invito ad approfondire la fede, l’amicizia col Signore e la Parola della Vita. Tutto questo, inevitabilmente, produrrà giorni laboriosi e felici, legati tra loro dalla certezza che qualcosa di grande si sta costruendo, il miracolo della vita in Dio che origina e sostiene la comunione tra i fratelli.

don Paolo, rettore